Sito ufficiale del Palio di Vigevano

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La contrada di Costa vince il Palio 2014: è tris consecutivo

Terzo successo consecutivo per la contrada di Costa, in una giornata di festa risparmiata dal maltempo.
Per il terzo anno consecutivo  Costa ha vinto il Palio delle Contrade di Vigevano. Si temeva il maltempo, ma la pioggia non è caduta a Vigevano: il programma si è svolto regolarmente. Grande il successo di pubblico con all’incirca 1750 spettatori paganti, cui vanno aggiunti quelli che hanno seguito il corteo storico per le vie del centro, i commensali che hanno partecipato alla cena rinascimentale e tutti quelli che hanno assistito sabato agli spettacoli della Notte Sforzesca in Piazza Ducale.
“Siamo molto soddisfatti – dice Paolo Meda, presidente dell’Associazione Sforzinda che organizza la manifestazione – abbiamo avuto una grandissima partecipazione. Anche gli stessi gruppi che si esibiscono sono cresciuti, in numero e in qualità delle performance. Ringrazio il gruppo Sbandieratori di Ferno per la loro partecipazione”.
Per quanto riguarda la disputa del cencio, già alla fine del terzo e penultimo gioco, la classifica vedeva Costa al primo posto con 43 punti, seguita da Contado con 38 punti e San Crispino e Crispiniano con 37 punti. All’ultima sfida però, quella del gioco della Torre, in cui Valle e Predalata (rispettivamente seconda e prima classificata in questa gara) hanno giocato il jolly. Costa si è piazzata quinta, lasciando quindi il pubblico in attesa di conoscere la classifica generale e quindi il vincitore.
Costa ha vinto il 34° Palio delle Contrade con 52 punti, seguita da Predalata con 48 punti. Al terzo posto San Crispino e Crispiniano con 47 punti. Queste le altre contrade, in ordine di classifica: Valle, San Martino, Contado, Griona, Bronzone, Cicerino, Strata, Castello e Mercanti.
Costa si è aggiudicata anche il premio “Colore e Correttezza” per la miglior sfilata, San Martino quello per la miglior corporazione, San Crispino e Crispiniano quello per la miglior tifoseria.

Scarica qui il tabellone finale e i risultati gara per gara

Il cencio spiegato dall'artista: Chiara Bagna.

Il dipinto raffigura il "Legame Senza Tempo" instaurato tra il Beato Matteo Carreri, patrono della città di Vigevano, che attraverso una spaccatura dimensionale fra passato e presente, riesce ad innalzare tutt'oggi con la mano la sua città, proteggendola e benedicendola.
Il Beato oltre a sostenerla si sente parte di essa, della città rappresentata simbolicamente dalla Torre del Bramante, della Comunità raffigurata con una raggiera di luce composta dai colori delle 12 Contrade e del cencio stesso che lo ritrae all'interno, rendendo vivido e presente il suo intramontabile spirito protettore legato al ricorrente Palio.
Immortalando la bellezza dove il tempo si è fermato, squarciato dalla luce paradisiaca che allontana le ombre, ci lasciamo meravigliare dalla grazia del Beato che si proietta dal passato direttamente al nostro presente, riuscendo così ancora oggi a guidare la sua Comunità .
Le visioni divergenti e prospettiche del dipinto ritraggono: in una la città e la Comunità che illuminano di luce il Beato, nell'altra esattamente l'opposto; in un tripudio di luci e colori che racchiudono la complicità tra le Contrade, il Beato Matteo Carreri e l'infinità del tempo stesso.

(Fotografia di Ferruccio Sacchiero)

Accesso all'Area Riservata




Uscita dall'Area Riservata

Da oggi con FeedReady puoi avere in tempo reale le notizie aggiornate dal tuo sito preferito:

  leggi qui tutti i dettagli

Castello Sforzesco di Vigevano - Il Palio delle Contrade

Castello di Vigevano 11-12 ottobre 2014 - XXXIV Palio delle Contrade

Era il 1449: Francesco Sforza stipulava un contratto di pace con Vigevano ambrosiana. Gli abitanti di Vigevano difendevano strenuamente il borgo aiutati da un esercito di donne guidate da Camilla de Ridolfi. Colpito dal loro coraggio Francesco Sforza decideva di non invadere con la forza il vico, bensì di stringere un patto di alleanza e fedeltà con i suoi abitanti rappresentati dal Console Abramo degli Ardizzi, affidandolo alle cure di Madonna Bianca Maria Visconti.
Dodici contrade, corrispondenti agli antichi "estimi", o parrocchie, costituiscono il corteo storico del Palio delle Contrade di Vigevano. Il cortile del Castello Sforzesco e la magnifica Piazza Ducale ne fanno da sfondo. Nobili e aristocratici, maestri di corporazione, artigiani, donne e bambini, si riuniscono per salutare il Duca Francesco I, Madonna Bianca Maria, la Duchessa di Milano che, con i principi Galeazzo Maria, Ippolita e Ludovico Maria, soggiornano nell'ameno borgo,  loro residenza di caccia. La corte milanese di trasferisce a Vigevano in diverse occasioni: per festeggiare il Calendimaggio con giochi e danze; per celebrare matrimoni e ricorrenze con lauti banchetti e giostre; per organizzare battute di caccia per ospiti illustri. A Maggio si ricorda, inoltre, la stipula della pace con gli abitanti del borgo e il castellano. Notaro Giacomo da Policastro rinnova il suo giuramento di fedeltà al Duca. A Ottobre si rinnova la devozione al Santo Protettore.
Vigevano, piccolo gioiello del Rinascimento italiano, città d'arte in cui operarono artisti come Donato Bramante e Leonardo da Vinci, si presenta ancora oggi nella configurazione del periodo Ducale (secoli XIV-XV). Alle quattro contrade già esistenti fin dal periodo Visconteo (Cicerino, Costa, Bronzone e San Martino) nel periodo successivo si aggiungono cinque nuove contrade: Strata, Predalata, Mercanti, Griona e Valle.  Le contrade di Castello, San Crispino e Crispiniano e  di Contado saranno create dall'Associazione Sforzinda per poter includere le tre rimanenti parrocchie della città di più recente costituzione. Il Palio di Vigevano nasce nel 1981 per riprendere le antiche tradizioni di devozione e riunire l'intera città, rappresentata dagli oratori, intorno al Beato Matteo Carreri, protettore della città dal XVI secolo. Frà Matteo Carreri visse nel Convento vigevanese di San Pietro Martire per un lungo periodo e vi morì nel 1472 in odore di santità. Venne eletto Beato a voce di popolo per i miracoli e le grazie ricevute dagli abitanti del borgo. Giunto alla XXXIV edizione, il Palio infatti costituisce la più importante manifestazione della città ducale. Ricchi e preziosissimi costumi fedelmente riprodotti da dipinti e immagini dell'epoca sono il vanto del corteo. Tamburi e chiarine, danze, acrobazie e giocoleria animano le feste a corte. Arti e mestieri di un tempo, gusti, sapori e profumi di un'epoca lontana rivivono ogni anno nelle occasioni di festa create dall'Associazione Sforzinda.

Notizie da Sforzinda e dalle dodici contrade

Sorteggio dei giochi XXXIV Palio delle Contrade di Vigevano

GIOCO DEL MEGLO COTOGNO  
1) CONTADO - BRONZONE - CASTELLO  - GRIONA
                                                2) CICERINO - MERCANTI - COSTA - S.CRISPINO
                                                3) VALLE - S.MARTINO - STRATA - PREDALATA
GIOCO DELLE CARRIOLE          
1) PREDALATA – STRATA - GRIONA                 
                                                2) MERCANTI - COSTA - VALLE
                                                3) S. CRISPINO - CICERINO - CONTADO          
                                                4) CASTELLO - S. MARTINO – BRONZONE
GIOCO DEL CERCHIO                1) CICERINO  - PREDALATA                            
                                                2) S. CRISPINO - GRIONA
                                                3) S.MARTINO - CONTADO                              
                                                4) VALLE - CASTELLO
                                                5) STRATA - COSTA                                        
                                                6) MERCANTI - BRONZONE
GIOCO DELLA TORRE               1) S. MARTINO - CONTADO - COSTA                 
                                                2) MERCANTI - BRONZONE - PREDALATA
                                                3) STRATA - S.CRISPINO - GRIONA                  
                                                4) CASTELLO - CICERINO - VALLE

La contrada di Contado vince il Palio dei Fanciulli 2014

Contado si aggiundica il XIV Palio dei Fanciulli. Con 22 punti la contrada legata alla corporazione dei pescatori e mercanti del pesce, abbinata alla parrocchia di Cristo Re, ha conquistato il cencio di maggio, disegnato dal vincitore del concorso "Dipingi il cencio"  Emanuele Longo, staccando di un punto Bronzone e di due punti Griona e Predalata terze classificate pari merito con 19 punti.
"E' stato un successo sotto ogni punto di vista - commenta Paolo Meda, neo presidente dell'Associazione Sforzinda, organizzatrice del Palio delle Contrade - 1200 spettatori paganti, la giornata si è svolta senza intoppi, ed anche il tempo, un po' ballerino, alla fine ci ha graziato. Anche la Notte Sforzesca, sabato sera, è stata apprezzata dal pubblico. Sono molto soddisfatto: anche i fanciulli bei giochi sono stati tutti bravissimi". Scarica qui la classifica completa.

I migliori scatti dei fotografi accreditati per la 14.a edizione del Palio del Palio dei Fanciulli

.

Michele Baldi
Enrico Morani
Alfonso Pace
Giuliano Panfilio

XI Campionato Regionale Musici e Sbandieratori 2014
Clicca sulla foto per visualizzare un'ampia gallery fotografica relativa all'evento del 13 aprile 2014.
Punteggi XI Campionato regionale sbandieratori e musici.

I migliori scatti dei fotografi accreditati per la 33.a edizione del Palio del Palio delle Contrade

.

Michele Baldi
Aldo Cocco
Giancarlo Giarda
Michela Giorgi
Claudio Mancin
Laura Marmonti
Enrico Morani
Alfonso Pace
Alessandro Palmisano
Marco Rossi
Ninni Ruggieri
Francesco Vignati
I migliori scatti dei fotografi accreditati per la 13.a edizione del Palio del Palio dei Fanciulli

.

Aldo Cocco
Fabio Sponza
Marina Pugno
Michele Baldi
Nicole Villani
Ninni Ruggieri
Roberto Casati
Sara Bombonato
Archivio fotografico e video
Con la partecipazione di:
Il Palio di Vigevano è associato alla Federazione Italiana Giochi Storici

Il Palio di Vigevano ora è anche su      
Iscriviti anche tu....


 
Torna ai contenuti | Torna al menu