Strata - Sito ufficiale del Palio delle Contrade di Vigevano in onore del Beato Matteo Carreri

Vai ai contenuti

Menu principale:

Contrada di Strata
La Contrada di Strata, con i colori verde e bianco, è legata alla Parrocchia del Sacro Cuore e reca sullo stemma un palo d'argento in campo verde. Il nome della Contrada significa "strada percorsa", strada di collegamento con località più note, nel nostro caso collegava il borgo di Vigevano alla strada che conduceva a Pavia. Era addossata alla Strada Coperta e compresa tra il Naviglio Sforzesco e la via Riberia. Conserva quali monumenti prestigiosi la chiesetta di San Giorgio, costruita con il patronato della famiglia Colli, il palazzo dell'Ambasciatore in via Cairoli e, infine, nell'attuale territorio della Contrada, la cascina San Marco, in una regione ricca di terre fertili e coltivate anche a vigneti e frutta.
Il signore di Contrada è Giovanna de' Gusberti, proprietario terriero, notaio e procuratore, membro del Consiglio dei Dodici Saggi del Comune, fautore della pace con Francesco I Sforza.

CORPORAZIONE
Abbinata alle corporazioni dei massari, Strata era regione ricca di terre fertili e coltivate e famose erano le vigne della regione San Marco.
Situata lungo la strada di collegamento con Pavia, era zona abitata da massari e bifolchi alle dipendenze di ricchi proprietari, tra cui noto era Giovanni de' Gusberti.
Le coltivazioni più diffuse erano grano, marcite per foraggio, ortaggi, avena, luppolo e uva.
La Contrada mostra i lavori dei campi, l’aratura, la semina, la raccolta dei cereali o delle verdure negli orti.

I PRODOTTI
La produzione tipica della Contrada è quella del vino. Viene presentato il "Rosso del Duca", vino bonarda rosso imbottigliato per arricchire le tavole sforzesche.
La Contrada offre inoltre altre specialità culinarie a base di uva, oltre a ricchi piatti di ortaggi tipici del territorio (insalate, verze,ecc.)

ALBO D’ORO
Sua la vittoria del 1994 e quelle del Palio dei Fanciulli del 2008 e del 2013.
Torna ai contenuti | Torna al menu